Risposta ad interpello n. 584 del 14 settembre 2021

Con la risposta ad interpello n. 584/2021, l’Agenzia ha dichiarato la detraibilità dell’Iva in capo ad un soggetto passivo che ha...

Con la risposta ad interpello n. 584 del 14 settembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che non è preclusa la detrazione dell’Iva assolta sugli acquisti laddove gli stessi siano correlati ad un’attività di impresa futura e, quindi, il soggetto passivo che intenda fruire della detrazione non abbia ancora effettuato operazioni attive, indipendentemente dall’effettivo successivo svolgimento della stessa. In particolare, l’amministrazione finanziaria ha ricordato che è l'acquisto di beni o di servizi da parte di un soggetto passivo a determinare l'applicazione del sistema dell'Iva e, quindi, della detrazione. Pertanto, una volta sorto, il diritto alla detrazione non può venir meno se successivamente l'attività economica prevista non è stata realizzata.  

Come ricordato dall’Agenzia, infatti, sul tema si è copiosamente pronunciata la giurisprudenza comunitaria e di legittimità, orientata nel ritenere che “ai fini della detraibilità dell'imposta assolta sugli acquisti di beni e sulle operazioni passive occorre accertarne l'effettiva inerenza rispetto alle finalità imprenditoriali, senza che sia tuttavia richiesto il concreto svolgimento dell'attività di impresa, potendo la detrazione dell'imposta spettare anche in assenza di operazioni attive, con riguardo alle attività di carattere preparatorio, purché finalizzate alla costituzione delle condizioni d'inizio effettivo dell'attività tipica” (cfr. Cass. 23994/2018).  

Apprezzabile, dunque, la posizione dell’Agenzia delle Entrate che conferma i principi elaborati in sede giurisprudenziale.  

   

#detrazione #Iva#attivitàpreparatorie 

Condividi

News Correlate

Risposta ad interpello n. 788 del 2021

Con la risposta ad interpello n. 788 del 24 novembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che le persone fisiche residenti che detengono criptovalute in parte su wallet...

leggi tutto
Ordinanza n. 36097 23 novembre 2021

La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 36097 del 23 novembre 2021 ha ribadito che la genericità della fattura non basta ad escludere la deducibilità dei costi...

leggi tutto
Sentenza n. 36362 del 23 novembre 2021

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 36362 del 23 novembre 2021 è tornata a pronunciarsi sul tema del trattamento fiscale dei compensi corrisposti...

leggi tutto